Bilancio previsionale 2015: ennesimo Accesso agli Atti targato M5S

Pubblicato il 3 ottobre 2015 · In Articoli, In evidenza

Dopo l’approvazione del rendiconto 2014 i revisori dei conti del Comune di Catania si trovano a esaminare il bilancio di previsione dell’anno 2015 per esprimere il loro parere.

Ai membri del Collegio, secondo quanto apprendiamo dai mezzi di comunicazione, mancherebbero all’appello importanti documenti ai quali, secondo i revisori, sarebbe impossibile dare una “valutazione oggettiva dei conti”.

Il M5S di Catania si è azionato immediatamente mediante una richiesta di accesso agli atti da parte dei Senatori Catalfo, Giarrusso, Bertorotta e delle Deputate Grillo, Ciancio e Foti, che nello specifico chiedono una dettagliata relazione sullo stato patrimoniale e finanziario del Comune di Catania, accompagnata dalle relative riconciliazioni e dalle asseverazioni dei rispettivi collegi sindacali/ revisori della SIDRA spa e delle altre società partecipate, anche con la partecipazione non qualificata, che non presentano dati contabili nelle richiamate note informative; una relazione sulle misure adottate per il controllo, accertamento e riscossione dell’imposta di soggiorno al fine di evitare la relativa prescrizione; un elenco dettagliato di tutti gli straordinari concessi accompagnato dalla relazione sui migliori risultati ottenuti; un ulteriore elenco dettagliato e cronologico dei debiti fuori bilancio con tutte le annotazioni previste dall’art. 64 del regolamento di contabilità comunale sottoscritto dal dirigente competente; ed inoltre una dettagliata relazione  relativamente alla verifica dei parametri di deficitarieta’.

Appare di tutta evidenza che il preventivo 2015 parte “sulle sabbie mobili”, visto che il consuntivo 2014 è stato approvato dal Consiglio Comunale senza un serio e approfondito dibattito, che sarebbe stato indispensabile, non solo per fare chiarezza sui numeri “ballerini” dei debiti fuori bilancio e sui rapporti debitori/creditori con le società partecipate, che non stati parificati, ma anche per fare conoscere ai cittadini la reale situazione finanziaria e patrimoniale del Comune, quasi certamente deficitaria.

Per quanto riguarda il parere favorevole al consuntivo 2014 dei Revisori dei conti, non bisogna dimenticare che le riserve formulate sono state tante e così dettagliate che si potrebbe parlare a ragion veduta di “parere negativo”, parere che è stato esitato, come riconosciuto dalla stessa Amministrazione, solo per fare approdare il Conto consuntivo 2014 al Consiglio Comunale; quindi, farsi scudo del parere favorevole espresso dai Revisori dei conti, come è stato fatto questa mattina in sede di Commissione Bilancio, appare come un estremo e ingiustificato tentativo di difendere l’Amministrazione Comunale, che lascia sgomenti non solo gli addetti ai lavori ma anche i più sprovveduti ascoltatori.

http://www.nunziacatalfo.it/bilancio-previsionale-2015-ennesimo-accesso-agli-atti-targato-m5s/