No PUA: il M5s presenta un’interrogazione al Senato

Pubblicato il 14 aprile 2014 · In Articoli, Comunicati stampa, In evidenza

Continua la battaglia del M5s contro il tentativo dell’ennesima cementificazione del litorale della Playa, in contrasto con il modello di sviluppo del MoVimento, che pone al centro i cittadini, la Città, il territorio e il rilancio del patrimonio artistico, culturale ed economico.        

I portavoce 5 Stelle al Senato hanno presentato un’interrogazione ai ministri competenti, prima firmataria Nunzia Catalfo, affinché verifichino se la variante del piano urbanistico attuativo (PUA) sia stata adottata in conformità agli strumenti urbanistici generali e se abbia rispettato le norme vigenti sui profili ambientali e sismici.

Il progetto della ditta Stella Polare, che ha avuto il via libera dal Consiglio comunale di Catania per la realizzazione di un mega centro polifunzionale alla Playa, è ora in attesa di approvazione alla Regione. Nella variante, però, ci sarebbero profili di illegittimità e carenze: il progetto prevede modifiche planimetriche e delle norme attuative ma non è stato assoggettato alla VAS (valutazione ambientale strategica) e non tiene conto né dei vincoli del PAI (piano per l’assetto idrogeologico della Regione Siciliana)  per le zone a rischio idraulico né del parere negativo della Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Catania.

Inoltre, il fatto che la variante, carente di approfondimenti di carattere urbanistico, idrogeologico, paesaggistico e storico-culturale, sia stata adattata sulla base di una proposta di un consorzio privato, quale è la ditta Stella Polare, non soddisfa i requisiti di certezza e trasparenza dell’azione amministrativa.

Interrogazione Senato http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=759692