Crocetta dia chiarimenti sulle dichiarazioni di Nicolò Marino

Pubblicato il 12 aprile 2014 · In Comunicati stampa, In evidenza

Le recenti dichiarazioni di Nicolò Marino, assessore all’Energia estromesso da Crocetta nel rimpasto della nuova giunta regionale, gettano pesanti ombre sull’operato del governatore siciliano.

Marino ha denunciato fatti e circostanze, alcuni dei quali, se rispondenti a verità, sarebbero molto gravi: improvvise riunioni di giunta, aperte a tutti e senza ordine del giorno;  il segretario generale condannato dalla Corte dei Conti e mantenuto nel suo incarico; la linea morbida nella revoca dei mega-appalti sugli inceneritori, nel ridimensionamento dell’Eolico e per la pubblicizzazione dell’acqua; la forte ingerenza di Confindustria siciliana, tramite Lo Bello, Catanzaro e Montante, sul governo regionale; la new entry in giunta di Antonio Fiumefreddo, avvocato difensore dell’Asi palermitana, attualmente in causa contro la Regione per l’affaire termovalorizzatori; le presunte tangenti che sarebbero state pagate dalle Ati per gli appalti dei termovalorizzatori.

Chiediamo pertanto al presidente Crocetta e alle istituzioni competenti di fare al più presto chiarezza sulle dichiarazioni di Marino, a cui i portavoce regionali del M5s hanno già espresso piena fiducia.