No al PUA

Pubblicato il 3 giugno 2013 · In Comunicati stampa, In evidenza

Non consentiremo un’ulteriore colata di cemento nel litorale della Plaia. Il Piano Urbanistico Attuativo (PUA), approvato dal Consiglio comunale di Catania con una variante, senza nessun voto contrario e con tre astensioni, è soltanto l’ennesima violenza al nostro territorio, mascherata dietro un’apparente valorizzazione.

Il piano di cementificazione del litorale, iniziato  a fine anni ‘90 con il Patto Territoriale Catania Sud, promosso dall’amministrazione Bianco, poi ripreso durante le giunte Scapagnini e Stancanelli, ha già permesso la realizzazione di alcune enormi strutture alberghiere. Se il PUA venisse attuato, la società “Stella Polare” potrebbe costruire altre mega opere, tra cui un’area di esposizione, un centro congressuale di quasi 12mila mq (ma non c’è già quello di viale Africa?), parcheggi, alberghi, cinema multisala da più di 2000 posti, un acquario tra i più grandi d’Europa e una galleria commerciale.

Il M5S di Catania grida il suo fermo no a queste inutili cattedrali nel deserto, allo stravolgimento dell’ecosistema della preoasi del Simeto e alla gestione privata delle nostre coste.