Sul caso Almaviva

Pubblicato il 18 marzo 2013 · In In evidenza

di Benedetto Amata

Si è tenuto venerdì 15 Marzo, durante la Commissione Parallela – Attività Produttiva, presso la sede del MoVimento 5 Stelle di via Androne, il dibattito sul caso Almaviva.

Alla presenza della portavoce deputata all’Ars, Angela Foti e di vari attivisti di Catania, il rappresentante delle Rsu Fistel-Cisl, Alessandro Nania, ha esposto la preoccupante situazione in cui verserebbe il sito catanese di Almaviva.

Dalle parole di Nania emergerebbe un vero e proprio paradosso, infatti Almaviva sembrerebbe intenzionata a stoppare proprio il sito di Misterbianco, sebbene sia l’unico in Italia a riuscire a marginare -stante le dichiarazioni del rappresentante aziendale- quasi il 30% di utili, destinati, tuttavia, a coprire le croniche perdite di altre sedi della stessa azienda (Milano, Roma, Napoli, Palermo).

Nel dettaglio, la chiusura sarebbe imposta dal ridimensionamento della commessa del principale cliente, la Vodafone e che porterebbe al trasferimento dell’attività alla sede di Napoli, determinando così la chiusura di Catania.

Il M5s non può rimanere insensibile di fronte all’ennesima emorragia economica, pertanto, attraverso i propri rappresentanti all’Ars e al Parlamento provvederà a sollecitare la costituzione di un tavolo tecnico e a presentare un’interrogazione parlamentare.